Hai bisogno di assistenza?
(+39) 370 5661976
info@cgtravel.it
Via Nicola Tagliaferri 45, 50127, Novoli, Firenze
 Faq       Contatti
English
Iscriviti alla Newsletter! L'iscrizione è gratuita e ti consente di ricevere le esclusive proposte di viaggio CGTRAVEL





title image

Parigi in inverno

5 giorni alla scoperta della città più romantica d'europa

Parigi in inverno

  • Tour Eiffel
  • Place Du Trocadéro
  • Palais de Chaillot
  • Théâtre National de Chaillot
  • Musée de l’Homme
  •  Musée de la Marine
  • Cité de l’Architecture et du Patrimoine
  • Arco di trionfo
  • Champs Elysées
  • Galeries Lafayette
  • Opéra Garnier
  • Centro Pompidou
  • Museo del Louvre
  • Montmartre
  • Moulin Rouge
  • Rue Crémieux
  • La Bastille
  • Jardin du Luxembourg
  • Pantheon
  • Crociera sulla Senna

GIORNO 1 CAPODANNO A PARIGI: Itinerario suggerito per la giornata: Tour EiffelPlace Du TrocadéroPalais de ChaillotArco di trionfoChamps ElyséesGaleries LafayetteOpéra GarnierCentro Pompidou

parigi capodanno agenzia viaggi firenze CGTravel
parigi capodanno agenzia viaggi firenze CGTravel

Inizia ad esplorare la città dalla famosa Tour Eiffel, simbolo di Parigi e della Francia, la torre in ferro, realizzata con 18.038 pezzi di metallo e terminata il 31 marzo 1889. Destinata a dover essere distrutta dopo soli due anni, ha resistito a critiche e umiliazioni e rimane una delle attrazioni più visitate della città: si compone di tre piani, ed è possibile salire in fino in cima scegliendo se usare le scale (che sono tante ma vi permettono di fermarvi a godere del panorama) o gli ascensori.

Situato sugli Champs de Mars, il Mercatino di Natale della Torre Eiffel ospita più di 60 chalet con prodotti tradizionali Francesi e dei paesi limitrofi. Con la pista di pattinaggio sul ghiaccio e la scintillante Torre Eiffel come sfondo, questo mercatino regala un'atmosfera magica.

Proseguite in direzione Place Du Trocadéro, un ottimo punto dalla quale ammirare la torre. Il Palais de Chaillot, chiamato anche Trocadero, si trova di fronte alla Torre Eiffel e al suo interno racchiude il Théâtre National de Chaillot, il Musée de l’Homme, il Musée de la Marine e la Cité de l’Architecture et du Patrimoine. Il palazzo è realizzato con due padiglioni e due ali curve che circondano il vasto spiazzo centrale Parvis des Droits de l’Homme su cui trionfa la splendida Fontana di Varsavia che offre spettacoli acquatici, circondata da giardini.

Proseguite in direzione Arco di Trionfo a piedi o con la metro. L’Arco di Trionfo è un monumento voluto da Napoleone Bonaparte per celebrare le proprie gesta militari, in particolare la vittoria nella battaglia di Austerlitz: l’imperatore e i suoi soldati non riuscirono mai a passarci sotto (la costruzione fu terminata ben 30 anni dopo), tuttavia questa importante opera architettonica è diventata uno dei simboli della capitale francese. Presso l’Arco c’è un piccolo museo che custodisce alcuni oggetti risalenti al periodo della prima guerra mondiale e altri appartenuti a Napoleone.

➸ Consigli: Linee della metro 1, 2 e 6, fermata Charles de Gaulle – Étoile. Bus n° 22, 30, 31, 52, 73, 92. RER, fermata Charles de Gaulle – Étoile .

Champs Elysées – L’avenue des Champs Elysées è la passeggiata più famosa d’Europa; si tratta di un lungo viale costeggiato da giardini, ristoranti e negozi di lusso. Non si può dire di aver visitato Parigi se non ci si è goduti una passeggiata ad ammirare le vetrine delle migliori case di moda, che da place de la Concorde arrivano fino a place Charles De Gaulle, in particolar modo durante il periodo natalizio, quando gli alberi vengono addobbati con lucine colorate e l’atmosfera si illumina di magia. Imperdibile una sosta alle famose Galeries Lafayette.

Proseguite in direzione Opéra Garnier. Creato in uno stile eclettico dall’architetto Garnier, il teatro dell’opera parigina ad oggi propone soprattutto balletto. L’edificio e la sala del teatro, oltre al museo con la raccolta di dipinti a tema balletto e scenografie teatrali, si possono visitare quando non sono in atto gli spettacoli.

Proseguite verso il Centro Pompidou. Il palazzo che ospita il centro è un’opera architettonica originale di Renzo Piano e Richard Rogers. Qui troverete le più importanti collezioni di arte moderna e contemporanea, una biblioteca pubblica, librerie, sale cinematografiche e teatrali.

GIORNO 2 CAPODANNO A PARIGI: Itinerario suggerito per la giornata: Museo del Louvre – Montmartre – Moulin Rouge

Prendete la metro in direzione Créteil – Préfecture e scendere alla fermata Concorde. Visitate i giardini e gli esterni del Museo del Louvre Celebre per ospitare La Gioconda, il Louvre ospita di tutto e servirebbe più di una giornata per goderselo. Il Palazzo del Re che ospita il museo è di per sé un’opera architettonica di immenso valore;la piramide di vetro che segna l’accesso alle biglietterie si sposa perfettamente nell’ambientazione storica che la circonda.

Dopo pranzo, riprendete la metro in direzione Porte de la Chapelle e scendete alla fermata Abbesses. Proseguite a piedi seguendo l’itinerario sulla mappa, prendete la funicolare o salite la scalinata a piedi, arrivando a Montmartre. Da qui avrete una splendida vista su Parigi e potrete ammirare la Basilica del Sacro Cuore.

Cenate in uno dei tipici ristoranti del quartiere. Simbolo della Bella Epoque, Montmartre possiede un’anima ribelle e irriverente ed è il quartiere che, nel 1800, accoglieva bordelli e locali dedicati agli artisti squattrinati e ai borghesi annoiati: il celebre Moulin Rouge sorge proprio ai suoi piedi, nella parte denominata Pigalle, sul suo palco si esibiscono ogni sera ballerine e cantanti internazionali che sapranno stupirti con la propria arte.

➸ Consigli: Metro Linea 12 fermate Jules Joffrin o Abbesses, Linea 2: Anvers o Pigalle. Per salire alla Basilica è disponibile anche la funicolare. Bus 30, 31, 54, 80, 85, Montmartrobus. Orari: Moulin Rouge primo accesso dalle 19:00 tutti i giorni; Basilica tutti i giorni 6:30-22:30 .

GIORNO 3 CAPODANNO A PARIGI: Itinerario suggerito per la giornata: Reggia di VersaillesRue CrémieuxLa Bastille

Prendere la metro e scendere a Champ de Mars Tour Eiffel da qui prendere il treno RER per arrivare a Versailles.

La Reggia di Versailles è uno dei palazzi più belli e più grandi al mondo! Il capriccioso Re Sole Luigi XIV volle fortemente un palazzo degno della sua sfarzosa vita, dove potersi rifugiare dalle presunte congiure che i nobili parigini avrebbero organizzato alle sue spalle. Le stanze del palazzo sono state chiamate con i nomi dei pianeti ed il salone centrale, dove il re sedeva sul suo trono, si chiama invece Salone di Apollo (Dio del Sole).

Al termine della visita rientro in treno presso Parigi. Se non siete ancora stanchi visitate Rue Crémieux e La Bastille.

GIORNO 4 CAPODANNO A PARIGI: Itinerario suggerito per la giornata: Jardin du LuxembourgPantheon

Visitate Jardin du Luxembourg. Un rigoglioso giardino pubblico nel cuore della città. Oltre a essere una vera e propria esplosione di vegetazione all’interno di Parigi, il Giardino di Lussemburgo presenta monumenti, come la celebre fontana dei Medici, la statua della Libertà, il carosello progettato da Garnier e il busto di Baudelaire.

Pantheon – Voluto da Luigi XV per la glorificazione della monarchia, l’edificio ha una perfetta architettura ecclesiastica ed era dedicato a Santa Genoveffa, patrona di Parigi. Venne realizzato dopo la Rivoluzione diventando un edificio patriottico che accoglie il riposo di Voltaire, Rousseau, Zola, Pierre e Marie Curie e altri personaggi di spicco.

➸ Consigli:Fermata Metro/RER Cardinal Lemoine; Luxembourg (RER); Bus: 21, 27, 38, 82, 84, 85, 89 – Ottieni indicazioni
Orari: tutti i giorni 10:00-18:30. Chiuso il primo maggio, il primo gennaio e a Natale.
.

GIORNO 5 CAPODANNO A PARIGI: Itinerario suggerito per la giornata: Crociera sulla Senna

Giornata libera per il relax. In orario a vostro piacimento, prendete parte alla crociera sulla Senna. In periodi di alta stagione è possibile che si verificano code, arrivare con anticipo.

I nostri consigli su Ristoranti & Bar:

➸ Vienna a Capodanno

➸ Venezia a Capodanno


Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

Francesca M.